I brand più amati dai fashion addicted italiani? Le mappe con ogni regione

275
0
Share:
Le borse occupano ben due posizioni nella top 5 dei prodotti più desiderati da lei: medaglia d’argento, infatti, ai modelli a tracolla, di bronzo a quelli a spalla.

Conoscere quali sono i brand più desiderati dai fashion addicted italiani non è una questione di  opinioni. Per tracciare le mappe di Fashion geography, Lyst ha confrontato il comportamento e le abitudini di acquisto in rete di oltre 2 milioni di utenti italiani, analizzando le migliaia di ricerche condotte negli ultimi mesi sulla piattaforma, che permette di navigare tra oltre 12.000 boutique virtuali e siti di ecommerce.

Il motore di ricerca online leader nel mondo del fashion Lyst, fondato a Londra nel 2010 da Chris Morton e Sebastjan Trepca, supporta il pubblico a trovare in modo facile e veloce prodotti fashion che rispondano i modo lineare ai loro gradimenti. “La moda è nel DNA degli italiani e mappare le loro preferenze e abitudini di acquisto ci permette di identificare i brand affermati o emergenti – ha dichiarato Francesco Girone, responsabile marketing e comunicazione Italia di Lyst – che dettano il passo delle ultime tendenze e, di conseguenza, di tracciare un interessante quadro locale del mercato. Conoscere a fondo ciò che i nostri utenti desiderano e cercano è cruciale per offrire loro un servizio sempre più completo e dinamico, capace di rispondere al meglio alle loro esigenze di shopping”.

Il fashion made in italy è di qualità

Il fashion è nel cuore degli italiani

Dall’analisi dei marchi e dei prodotti più desiderati in Italia nasce Fashion Geography, la ricerca di Lyst, che mappa da nord a sud, passando per il centro e le isole, i profili di capi di abbigliamento e accessori effettuate online in Italia.

Il marchio Celine è adorato dalle donne piemontesi

Ciò che unisce i fashion addict ityaliani sono le sneakers, categoria merceologica più cercata online nell’ultimo anno sia da lui che da lei.  Infatti, le calzature sportive scalzano l’accessorio femminile per eccellenza – la borsa – dalla vetta della classifica.

Le borse, accessorio femminile per eccellenza di contro, occupano ben due posizioni nella top 5 dei prodotti più desiderati da lei: medaglia d’argento, infatti, ai modelli a tracolla, di bronzo a quelli a spalla.

Immensa attenzione e sia da parte degli uomini che delle donne anche per le giacche, al secondo posto della top 5 maschile e al quarto di quella femminile, che si chiude con gli abiti. La classifica dei prodotti più desiderati dall’uomo, invece, prosegue con t-shirt e felpe – che, rispettivamente al terzo e quarto posto, rafforzano la preferenza di lui per l’abbigliamento comodo e sportivo – e con le cinture, accessori funzionali e indispensabili per dare una marcia in più anche agli outfit più accessibili.

L’amore per le sneakers non è l’unico punto di contatto tra  fashion maschile e quello femminile. Osservando i brand più amati in Italia, Lyst registra un generale picco di ricerche per Gucci: gli iconici prodotti della maison toscana sono stati i più desiderati in diverse regioni. Prendendo in considerazione le evidenze femminili, Gucci trionfa in Lombardia (32%), Lazio (21%), Puglia (19%) e Calabria (15%). Per quanto riguarda le preferenze degli uomini, se il marchio italiano conferma il suo successo all’ombra di Colosseo e Madonnina (Lazio 22% e Lombardia 17%), emerge sugli altri brand anche in Veneto (26%) e Abruzzo (20%).

La distanza tra lui e lei aumenta, invece, quando si guarda al portafoglio. In realtà  coloro che hanno il portafoglio più aperto sono gli uomini che, per un ordine su Lyst.it, spendono in media circa 267 euro, a fronte dei 249 euro spesi mediamente dalle donne.

Il fashion al femminile

Una generale tendenza allo shopping di lusso accomuna le utenti del Bel Paese

Il fashion secondo le donne regione per regione

Un importante trand allo shopping di lusso accomuna le utenti della nostra nazione, dove sono soprattutto le signature bag da copertina ad attirare l’attenzione e lo shopping.

Accanto a Gucci, che domina la classifica in ben quattro regioni – Lombardia 32%, Lazio 21%, Puglia 19%, Calabria 15% -, spiccano nomi del calibro di Celine, particolarmente amato in Piemonte, dove costituisce poco meno della metà delle ricerche effettuate su Lyst (43%).

Il lusso delle maison straniere tenta le shopping addicted da nord alle isole: se, infatti, in Valle d’Aosta e Liguria sono rispettivamente Balenciaga (15%) e Ralph Lauren (30%) i brand più popolari, in Sardegna un terzo delle ricerche riguarda i prodotti di Saint Laurent, mentre in Sicilia è Alexander McQueen a conquistare la vetta (45%). Nel centro-sud via libera alle ricerche di accessori firmati Balmain (25% in Umbria e 18% in Abruzzo), mentre Michael Kors è molto amato in Campania (26%) e Basilicata (18%).

La moda made in Italy  rastrella consensi nelle restanti regioni: il 27% delle utenti sceglie Valentino in Veneto e Prada nelle Marche, mentre un quarto delle ricerche effettuate in Emilia Romagna (25%) ha Dolce&Gabbana come protagonista. Anche in Toscana (17%) e Friuli Venezia Giulia (18%) è lo stile italiano a trionfare, ma qui si vira allo streetwear di lusso proposto da Off-White. In Trentino Alto Adige un terzo (33%) delle ricerche riguarda Moncler: complici del successo del brand celebre per i suoi piumini di qualità eccezionale non possono essere solo la lunga stagione invernale e le famose montagne della regione, se si considera che anche in Molise (29%) ricavaun’importante fetta di utenza.

A quali fashion brand sono affezionati gli uomini?

Gli uomini preferiscono investire in streetwear. I dati di Fashion geography parlano chiaro: sono ben cinque le regioni in cui si registrano importanti picchi di interesse per brand dallo stile casual, seppur sofisticato e “instagrammabile”.

Il fashion secondo gli uomini regione per regione

Se le ricerche delle italiane si indirizzano sui “classici” brand da copertina, gli uomini preferiscono investire in streetwear, meglio se di lusso. I dati di Fashion Geography non lasciano dubbi: sono ben cinque le regioni in cui si registrano importanti picchi di interesse per brand dallo stile casual, seppur sofisticato e “instagrammabile”. Cifre da capogiro quelle registrate dal designer Marcelo Burlon in Campania (63%) e da Nike in Basilicata (45%). In Toscana è Off-White ad andare per la maggiore (32%), mentre poco meno di un quarto delle ricerche in Liguria ed Emilia Romagna hanno per protagonista rispettivamente Stone Island (24%) e Palm Angels (22%).

Nelle isole i riflettori si accendono su Dolce&Gabbana: in Sicilia, terra che ha ispirato alcune delle collezioni più celebri e iconiche della coppia di stilisti, le ricerche del brand raggiungono il 18%, percentuale che sale al 24% in Sardegna.

In Umbria Lyst rileva un incremento di ricerche relative a Calvin Klein che, soprattutto grazie alla sua apprezzatissima linea di intimo, conquista oltre la metà degli utenti (53%). Numeri significativi anche per Fendi: in Trentino Alto Adige una ricerca su due (51%) riguarda proprio la maison romana.

I brand italiani trovano numerosissimi sostenitori anche nelle Marche e in Valle d’Aosta: nella prima delle due regioni è Prada a convincere un quarto dei fashion-nauti (25%), mentre nella seconda il marchio più amato è Moncler (22%).

Nelle rimanenti regioni gli uomini prediligono lo stile internazionale. Se, infatti, Balenciaga, grazie alle sue “ugly sneaker”, regine dei social in tutto il mondo, conquista un’importante fetta di pubblico in Puglia (23%) e in Friuli Venezia Giulia (14%), in Piemonte è la perenne eleganza di Burberry a spopolare (28% delle ricerche totali).

Caro imprenditore, il tuo fashion brand dove viene venduto di più? Hai mai pensato di far conoscere la storia dei tuo capi al tuo pubblico? Dall’abbigliamento nascono storie meravigliose…io ho pronta quella per la marca che produci, dammi la possibilità di pubblicarla, contattami.

  • 1
    Share
Share:

Leave a reply