I brand che investono in diversità e inclusione registrano più ricavi

187
0
Share:

Diversity Brand Index: l’inclusione accelera la crescita: i brand che investono in Diversità & Inclusione (D&I) registrano una crescita nei ricavi fino a +20% rispetto a brand non inclusivi: questo uno dei dati più significativi emersi dalla seconda edizione del Diversity Brand Index, progetto di ricerca condotto dall’associazione Diversity.

Attualmente l’impegno nella D&I ha non solo un forte impatto sulla reputazione delle aziende, ma è tra i fattori determinanti in grado di generare fiducia nei marchi e alimentare di conseguenza brand equity e passaparola positivo, indirizzando le scelte d’acquisto di consumatrici e consumatori. 

Secondo l’indagine, infatti, le aziende percepite come inclusive – cioè quelle più  diligenti rispetto diversità in senso ampio sono più apprezzate dal mercato, attirano più talenti, migliorano le proprie performance economiche. Lo studio ha raccolto le valutazioni di 1.035 uomini e donne che hanno citato e espresso le loro opinioni su 453 brand, suddivisi per le sette forme di diversità incluse nella metodologia utilizzata: genere e identità di genere, età, orientamento sessuale e affettivo, credo religioso, disabilità, status socio-economico ed etnia.

Diversity & Inclusione accelerano la crescita

La crescita aumenta con l’inclusione

Ciò che si impone con forza è che l’impegno sulla D&I non passa inosservato e dà origine a ripercussioni molto positive per le aziende: il 51% dei consumatori sceglie con convinzione brand inclusivi, mentre un ulteriore 23% nel percorso di scelta preferisce brand che investono sulla D&I. Inoltre i brand inclusivi generano un net promoter score (indicatore del passaparola) più alto rispetto a quelli non inclusivi, con un forte impatto sia sulla reputazione aziendale che sulla fiducia da parte di consumatrici e consumatori, più propense/i a consigliare o farsi ambassador di un marchio percepito come inclusivo. Al contrario per le aziende identificate come non inclusive il NPS scende fino al -81,8% (rispetto al -43% registrato nel 2018).

Non solo la volontà e l’etica guidano le scelte di inclusione delle aziende. Oggi, sono i numeri. Quelli di uno studio (reso noto nel corso del Diversity Brand Summit a Milano) che conferma quanto l’inclusione acceleri la crescita. Le aziende più inclusive, che investono sulla diversity e sulla inclusione (D&I), hanno un ritorno sull’investimento superiore al 20%. Un ritorno di business.

“Confrontando due aziende ipotetiche, simili tra loro, una che investe sulla D&I e una percepita come non inclusiva, utilizzando dei parametri internazionali, il gap di crescita dei ricavi delle due aziende può superare il 20% (era il 16,7% nel 2018), naturalmente a favore dell’azienda più inclusiva – afferma  Sandro Castaldo, professore ordinario dell’Università Bocconi presentando i risultati del Diversity Brand Index, stimato su un panel di 1.035 persone e 453 brand -. Un brand che investe in D&I in una prospettiva marketing oriented può quindi ottenere una crescita dei ricavi nettamente maggiore rispetto a un brand percepito come non inclusivo”. Dove per diversity & inclusione si considerano genere, etnia, disabilità, religione o credo, età, orientamento sessuale e status socio economico.

Tra i vertical percepiti più inclusivi il retail 18% (con Amazon, Ikea, Zara…) seguito dal mondo dei consumer services 16% (Airbnb, Adecco, American Express…), dal food 14% (Barilla, Coca-Cola, Ferrero, Nestlé..), dall’ information technology 10% (Facebook, Google, Microsoft, Netflix, Whatsapp), dal consumer electronic 8% (Apple e Samsung) e dalle Tlc 4% (Tim e Vodafone).

L’inclusività dei brand Fonte: Diversity Brand index

In questo periodo la tematica della customer experience e della riconoscibilità del brand è ricorrente per i vendor di tecnologia, che offrono applicazioni e piattaforme per aziende clienti per alzare la riconoscibilità del brand sul consumatore finale. La  customer experience è il pilastro centrale nei piani di sviluppo delle aziende utenti, che abbracciano la forte volontà  sulla D&I perché orienta positivamente le scelte dei clienti e alimenta il funnel reputation, trust, loyalty e Nps (net promoter score)”“I consumatori percepiscono che la responsabilità sociale di un brand non è solo legata all’attenzione all’ambiente ma anche al suo impegno per creare una società più inclusiva – continua Castaldo -.  Aumenta il passaparola per i brand percepiti come più inclusivi, diminuisce invece il Nps per i marchi che non veicolano una cultura inclusiva. Il mercato premia i brand attivi sull’inclusione che incontrano una quota di detrattori prossimi allo 0%”. Ne escono bene due brand di IT e Tlc negli Award 2019.

Google si aggiundica il Diversity Brand Award 2019 per aver compreso che un marchio del suo calibro ha una responsabilità cruciale nella crescita culturale del Paese sulla D&I, “per avere lavorato in maniera innovativa, multicanale e multidisciplinare sulla D&I con spunti, strumenti, competenze per abbattere barriere, utilizzando anche toni leggeri e ironici”. 

I top 20 Brand – Fonte: Diversity Brand index

Vodafone premiata con il Diversity Brand Award Digital 2019 per l’assistente digitale Tobi (che aveva già destato l’interesse di Inno3 al lancio), che grazie a AI e IoT definisce una nuova modalità di interazione tra brand e consumatori, annullando le frustrazioni derivanti da problemi di vista, udito, tempi lavorativi e disabilità.
La centralità dell’uomo nel come utilizzare le nuove tecnologie e l’inclusione come scelta di vita, aziendale e non, sono finalmente prioritarie (speriamo anche nei neonati Memorandum d’Intenti che riguardano sviluppi economici tra popoli e culture diverse)

Nella mia attività professionale, l’attenzione alla diversità e all’inclusione è insita nei piani di comunicazione che elaboro per i brand. La crescità reputazionale della tua azienda transita da queste due tematiche. Ho già in mente come sviluppare il percorso positivo per te, contattatami per una consulenza personalizzata.

  • 1
    Share
Share:

Leave a reply